Attivazione della Riserva speciale Programma Nazionale “Ricerca, innovazione e competitività per la transizione verde e digitale 2021-2027”

La Riserva speciale del Programma Nazionale "Ricerca, innovazione e competitività per la transizione verde e digitale 2021-2027" è ufficialmente operativa. Questo annuncio segna una continuità con il precedente periodo di programmazione 2014-2020, mantenendo una dotazione iniziale pari a 500.000.000,00 euro. La Riserva speciale è regolamentata dall'accordo di finanziamento stipulato il 21 dicembre 2023 tra il Ministero delle Imprese e del Made in Italy e Mediocredito Centrale S.p.A. In conformità all’articolo 68, paragrafo 2, del Regolamento UE 2021/1060, la Riserva speciale prosegue l'attività in linea con la precedente Riserva PON Imprese e Competitività del periodo 2014-2020, rispettando i criteri di selezione delle operazioni e le regole di ammissibilità delle spese per il periodo di programmazione 2021-2027.

 

leggi l'articolo


NUOVI SCENARI PER IL CREDITO: NUOVE PROSPETTIVE, NUOVE RISPOSTE

L'articolo di Luciano Gallucci per il magazine del ConfiRes 2024, intitolato "I Nuovi Scenari del Credito: nuove prospettive, nuove risposte", offre un'analisi approfondita delle tendenze emergenti nel settore del credito. Luciano Gallucci (Chief Business Officer di Pegaso 2000), esplora come le recenti innovazioni tecnologiche e i cambiamenti normativi stiano trasformando il panorama del credito, e come Pegaso 2000 ha anticipato le future esigenze con le proprie piattaforme.

 

leggi l'articolo


SIMEST: al via dal 18 giugno una nuova misura per l’indennizzo della perdita di reddito delle imprese toscane colpite dall’alluvione del novembre 2023

Dal prossimo 18 Giugno sul portale di Simest sarà attiva una nuova misura a valere sui Ristori da €300 milioni, destinati alle imprese della Toscana e territori limitrofi danneggiate dall’alluvione dello scorso novembre. La misura vedrà coinvolte le imprese che, a causa della calamità naturale, sono state costrette ad una sospensione totale o parziale della produzione, per un periodo massimo di sei mesi dalla data in cui si è verificato l’evento alluvionale. La misura sarà estesa a tutte le attività esportatrici (con eccezione di quelle operanti nei settori dell’agricoltura, della silvicoltura e della pesca) – con un fatturato estero minimo del 3% – e a tutte le imprese con un fatturato realizzato per almeno il 10% del totale verso una o più imprese esportatrici.

 

 

Leggi l'Articolo


Pubblicato nuovo avviso per partecipare al FRI-Tur e tornare a essere primi nel mondo

Dal 1° al 31 luglio 2024 sarà possibile accedere al FRI-Tur, la misura del PNRR rivolta ad agevolare l’accesso al credito e gli investimenti di media dimensione (da 500 mila a 10 milioni di euro) per le PMI del settore turistico. La misura si rivolge a imprese alberghiere, agriturismi, strutture all’aria aperta, imprese del comparto turistico, ricreativo, fieristico e congressuale (compresi stabilimenti balneari, complessi termali, porti turistici, parchi tematici). Il ministro del Turismo, Daniela Santanchè, nel corso del suo contributo alla 74ª Assemblea di Federalberghi a Viareggio, ha dichiarato :" È importante spendere bene le risorse del PNRR. In quest’ambito, noi abbiamo messo a disposizione il FRI-Tur, e il Ministero del Turismo ha da poco pubblicato un nuovo avviso per parteciparvi e ottenere finanziamenti orientati a interventi di efficientamento energetico, sostenibilità, ammodernamento. Anche perché quello che dobbiamo fare per vincere la sfida del settore – ossia di riportare l’Italia al primo posto sul podio del turismo internazionale – è migliorare i servizi, la qualità e la formazione dei lavoratori del comparto"

 

 

Leggi l'Articolo


CREDITO PMI. PROTOCOLLO D'INTESA ABI-ANFIR

ABI - ABI e Anfir (Associazione nazionale delle Finanziarie Regionali) con la sottoscrizione del Protocollo d'Intesa e la costituzione di un tavolo permanente di confronto si pongono l'obiettivo di affrontare con strumenti validi i rapporti tra mondo bancario e finanziarie regionali, favorendo ulteriormente l’accesso al credito delle Pmi. Tra le questioni da definire c'è la promozione dell'informazione e la formazione sulle tecniche innovative di finanziamento agevolato delle imprese nei confronti dei soggetti potenzialmente beneficiari, la definizione di accordi tecnici relativi su specifici ambiti operativi, aperti all’adesione delle singole banche e finanziarie regionali, la predisposizione di schemi-tipo in relazione alle misure agevolative gestite dalle finanziarie regionali, l'organizzazione di definite posizioni congiunte su provvedimenti normativi di comune interesse

 

Leggi l'Articolo


Fondo di garanzia, fino a 2,25 milioni per MidCap, PMI e professionisti con il Temporary Crisis and Transition Framework

MEDIO CREDITO CENTRALE: Dal 27 marzo PMI, professionisti e small MidCap (imprese, diverse dalle PMI, con un numero di dipendenti compreso tra 250 e 499), possono presentare domande al Fondo di garanzia fino a 2,25 milioni ai sensi degli “Aiuti di importo limitato” – Sezione 2.1 del Temporary Crisis and Transition Framework (TCTF). Le richieste potranno essere trasmesse al Gestore solo dopo aver acquisito dal soggetto beneficiario finale la versione aggiornata della domanda di agevolazione, disponibile sul sito internet del Fondo di garanzia per le PMI. La Sezione 2.1 del Temporary Crisis and Transition Framework, al netto di eventuali proroghe, sarà operativa fino al 30 giugno 2024. Vi sono specifiche condizioni di ammissibilità, indicate dalla Circolare n. 7 di Mediocredito Centrale.

 

 

Leggi l'Articolo


Fondo di garanzia: al via le Sezioni speciali Veneto e Piemonte

Le Sezioni speciali delle Regioni Piemonte e Veneto del Fondo di garanzia nuovamente operative. Le circolari Gestore Mediocredito Centrale nn. 5 e 6 del 21 marzo 2024 comunicano, rispettivamente, l’apertura del Piemonte con una dotazione finanziaria complessiva di 60 milioni di euro provenienti dalle risorse del PR FESR Piemonte 2021-2027 e del Veneto con una dotazione di 20 milioni di euro del PR FESR Veneto 2021-2027. Il Piemonte interviene finanziando l’incremento fino all’80% della garanzia diretta per le operazioni superiori a 75 mila euro e fino al 90% della riassicurazione e della connessa controgaranzia per le operazioni superiori al 25 mila euro. Il Venetosenza soglie minimefinanzia nelle stesse misure l’incremento delle coperture: fino all’80% per la garanzia diretta e fino al 90% la riassicurazione e la connessa controgaranzia. Per poter accedere alle maggiorazioni delle due Sezioni speciali, la sede principale o una delle sedi operative cui si riferiscono le operazioni finanziarie devono essere situate nel territorio delle rispettive Regioni (la localizzazione è quella indicata in sede di domanda, senza bisogno di ulteriori dichiarazioni). Per tutte e due le Sezioni, infine, non sono ammissibili le operazioni di consolidamento di passività finanziarie a breve termine o le ristrutturazioni di debiti pregressi, le operazioni finanziarie per il finanziamento di attività di trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli e i finanziamenti misti.

(Circolari Mediocredito Centrale n. 5 n. 6 del 21.3.2024)

 

 

Leggi l'Articolo


Misure per il sostegno e l’accesso alla liquidità delle piccole e medie imprese che forniscono beni e servizi a imprese di carattere strategico ammesse alla procedura di amministrazione straordinaria

MEDIOCREDITO CENTRALE -  A partire dal 15 marzo 2024, sarà possibile presentare le richieste di ammissione alla garanzia del Fondo ai sensi dall’articolo 1 del Decreto-legge n. 9 del 2 febbraio 2024, pubblicato nella G.U. n. 27 del 2 febbraio 2024, recante “Misure per il sostegno e l’accesso alla liquidità delle piccole e medie imprese che forniscono beni e servizi a imprese di carattere strategico ammesse alla procedura di amministrazione straordinaria”. Alla garanzia del Fondo possono accedere le piccole e medie imprese, anche se rientranti nella fascia 5 del modello di valutazione di cui alla parte IX delle vigenti disposizioni operative, che devono avere le seguenti condizioni:

- sono fornitrici e creditrici nei confronti di imprese che gestiscono almeno uno stabilimento industriale di interesse strategico nazionale ai sensi dell’articolo 1 del decreto-legge 3 dicembre 2012, n. 207, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 dicembre 2012, n. 231, e che sono state ammesse alla procedura di amministrazione straordinaria in data successiva all’entrata in vigore del suddetto decreto

- hanno prodotto, negli ultimi due esercizi precedenti la data di presentazione della richiesta di garanzia, oltre il 50 per cento del fatturato nei confronti dell’impresa committente sottoposta alle procedure di amministrazione straordinaria di cui al punto precedente. In questo caso la garanzia è concessa a titolo gratuito su finanziamenti di importo massimo pari ai crediti vantati nei confronti dell’impresa committente, fino alla misura:
a) dell’80 per cento dell’importo dell’operazione finanziaria, relativa al caso di garanzia diretta;
b) del 90 per cento dell’importo dell’operazione finanziaria garantito dal garante di primo livello, relativa al caso di riassicurazione.

Durante la fase di presentazione della richiesta di ammissione alla garanzia del Fondo, coloro che fanno la richiesta, dovranno trasmettere al Gestore la dichiarazione sostitutiva di atto notorio prevista dal comma 2 del predetto articolo 1 ai fini della certificazione dell’importo del fatturato negli ultimi due esercizi precedenti la data di presentazione della richiesta di garanzia e dei crediti vantati nei confronti dell’impresa committente.

 

 

Leggi l'Articolo


SACE: OPERATIVA GARANZIA ARCHIMEDE

SACE: Garanzia Archimede, lo strumento previsto dalla Legge di Bilancio 2024 a supporto dei nuovi investimenti delle imprese italiane su territorio nazionale, è operativa. Sono supportati finanziamenti e cauzioni, della durata massima di 25 anni e senza limiti di importo ed è garantito fino al 70% dell’importo.

 

 

 

Leggi l'Articolo


Mimit, DL Pnrr: al via Transizione 5.0 - 6,3 miliardi per la sfida green e digitale delle imprese

MINISTERO DELLE IMPRESE E DEL MADE IN ITALY: Approvato in Consiglio dei Ministri il "Piano Transizione 5.0", su proposta del ministro delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso. Il decreto-legge Pnrr, mira a sostenere gli investimenti in digitalizzazione e nella transizione green delle imprese attraverso un innovativo schema di crediti d'imposta. Un piano da 6,3 miliardi di euro, dove alle aziende verrà concesso un credito d'imposta automatico, senza alcuna valutazione preliminare, senza discriminazioni legate alle dimensioni dell'impresa, al settore di attività o alla sua localizzazione. Investimenti in beni materiali e immateriali saranno agevolati, purché si raggiunga una riduzione dei consumi energetici dell'unità produttiva pari almeno al 3% (o al 5% se calcolata sul processo interessato dall'investimento). Ammessi anche investimenti in nuovi beni strumentali necessari all'autoproduzione di energia green e spese per la formazione dei dipendenti finalizzate all'acquisizione di competenze nelle tecnologie per la transizione digitale ed energetica dei processi produttivi.

 

 

 

Leggi l'Articolo